Un diverso punto di vista: la farina bianca raffinata

La farina bianca raffinata è uno degli alimenti sicuramente più presenti nelle tue ricette, nei cibi pronti e in quelli confezionati. E anche uno dei più dannosi.

Ti ho parlato vagamente della farina bianca in un mio precedente e-book, ora scendiamo nei particolari.

La farina bianca, danneggia l’essere umano da circa 60 anni.

Nasce da un procedimento industriale che la priva di 2 parti fondamentali per la nostra nutrizione:

–          la crusca, ricca di fibre e vitamine B, che si trova all’esterno del seme

–          il germe di grano, anch’esso ricco di vitamine, che si trova all’interno.

Un regime alimentare basato soprattutto su alimenti che contengono farina bianca, può provocare costipazione, malnutrizione, stanchezza, difficoltà nel digerire gli alimenti ed altre malattie croniche.

Insomma, niente di buono.

Vorresti saperne di più sul processo di raffinazione della farina?

Sai che la farina grezza non è bianca?

La farina bianca raffinata, contenuta in molti alimenti che consumi quotidianamente, è sbiancata attraverso un procedimento chimico.

Viene utilizzato l’ossido di cloro, un agente sbiancante che mischiato alle proteine della farina grezza produce una sostanza chiamata allossana.

L’allossana è velenosa.

Viene, purtroppo, utilizzata su animali da laboratorio per provocarne il diabete.

Ma non è tutto.

Durante il processo di lavorazione, si perdono elementi nutrizionali importanti, come la vitamina E presente nel germe di grano e tutte le proprietà sopraccitate della crusca.

Il risultato è una “polvere bianca” priva di vitamine, con proteine di scarsa qualità.

E non è ancora tutto! L’assunzione di farina bianca raffinata sotto forma di carboidrati raffinati come il pane, la pasta etc. provoca un aumento di zuccheri nel sangue. Il pancreas, che si occupa di regolare la quantità di insulina nel sangue, impazzisce a causa dell’improvviso aumento di zuccheri.
Il risultato? La diminuzione della glicemia nel sangue, e le conseguenze sono stanchezza, letargia e falso senso di fame nervosa.
Immagino siano sensazioni che ben conosci.

Per concludere, la farina bianca raffinata FA MALE.

E allora, cosa puoi fare?
Semplice, non usarla più.

Fortunatamente al giorno d’oggi esistono molte alternative:

  • la farina biologica
  • la farina di riso
  • la farina integrale
  • la farina di kamut
  • la farina di farro
  • e altre valide alternative

 

Vuoi ottenere un dolce soffice e delizioso?
Utilizza la farina bianca di tipo 0 biologica.

Una pastella croccante e saporita?
Ti consiglio la farina di riso, te ne innamorerai.

Una pizza che conquisterà tutti?
Con la farina integrale non sbaglierai!

Ora che conosci le alternative, che cosa aspetti ad abbandonare la vecchia e dannosa farina bianca raffinata?

 
Tags:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 
 
 
 
shared on wplocker.com